Memorandum – Versione italiana

M E M O R A N D U M

    Proposte per un programma politico-culturale a favore della minoranza linguistica ladina.

 Vengono qui evidenziati i problemi e le rivendicazioni più importanti con l’auspicio che i politici li assumano nella loro agenda e li avviino a soluzione.

Preambolo

 Cause del regresso della lingua ladina

Le necessità della minoranza ladina sono note: fra di esse annoveriamo i provvedimenti atti ad impedire l’indebolimento progressivo della lingua ladina. Si riassumono comunque di seguito le cause del regresso:

  • il frazionamento della Ladinia in enti politici e giuridici diversi (2 regioni, 3 provincie, 5 comunità comprensoriali); ciò favorisce l’allontanamento delle zone e delle valli ladine l’una dall’altra;
  • la mancanza di un centro politico, economico e culturale;
  • condizioni economiche, culturali e di formazione scolastica diverse;
  • lo sviluppo indipendente dei singoli idiomi a sostegno di identità locali diverse;
  • la mancanza di riconoscimento politico della lingua unificata;
  • l’influsso eccessivo dei media e della letteratura in lingue diverse da quella madre;
  • la mancanza di un hinterland linguistico cui attingere prodotti culturali essenziali a sostegno della modernizzazione e normalizzazione della lingua madre, quali strumenti linguistici e didattici, opere letterarie, programmi televisivi;
  • la presenza insufficiente del ladino nella vita pubblica e nell’ambito economico privato;
  • l’immigrazione di alloglotti;
  • l’emigrazione di ladini.

Necessita un approccio generale e unitario alla causa ladina

 Le valli e zone ladine di Badia, Gardena con le frazioni ladine di Castelrotto, Fassa, Fodom/Livinallongo, Colle Santa Lucia e Ampezzo formano, nonostante le diversità a cui si è accennato sopra, un territorio culturale e linguistico unitario. La conservazione e promozione della lingua e cultura ladine postulano a loro volta detto approccio generale ed unitario; soluzioni parziali, che prescindano dal concetto generale, rischiano addirittura di aumentare le divisioni, e di mettere in pericolo la coesione stessa della Ladinia. La politica culturale ladina deve pertanto muoversi in una cornice comune a tutte le valli e zone ladine quale presupposto per un trattamento unitario dei diritti e dei bisogni della minoranza. I diritti statutari dei ladini delle provincie autonome di Bolzano e Trento vanno applicati ed estesi ai ladini del Veneto. Tale estensione avverrebbe nel migliore dei modi attraverso l’aggregazione del territorio dei 3 comuni ladini del Veneto alla Provincia autonoma di Bolzano La riunificazione amministrativa rappresenta una rivendicazione fondamentale della popolazione ladina, avanzata con forza nei momenti cruciali della sua storia: 1918: lettera-appello dei sindaci ladini richiedente il diritto all’autodeterminazione; 1916: manifestazione sul Passo Sella contro la separazione e per l’unità della Ladinia; 2007: referendum popolare nei comuni ladini del Veneto sull’aggregazione alla Provincia autonoma di Bolzano. L’attuazione di questa richiesta storica costituisce una delle priorità dei doveri della politica, in particolare della Lia di Comuns Ladins (Lega dei comuni ladini).

Diritti, richieste, bisogni

 Bisogna anzitutto distinguere i diritti che derivano ai ladini dalla legge (costituzione, statuto di autonomia, leggi di attuazione, ecc.) dalle pretese che derivano dal principio di parità dei gruppi linguistici e dalla tutela delle minoranze; i primi vanno attuati, se necessario con ricorso alla magistratura; provvedimenti a sostegno della lingua e cultura vanno definiti e concretizzati nell’ambito della discussione politica. La minoranza ladina ha bisogni particolari che non vanno valutati secondo una proporzionale etnica meramente numerica; questi sono proporzionalmente molto più elevati di quelli dei due gruppi linguistici maggioritari in Alto Adige. Da parte delle forze  politiche si attendono fatti concreti e non semplici dichiarazioni di principio. Vale il principio che la democrazia viene commisurata al soddisfacimento dei bisogni delle minoranze.

  1. Provvedimenti politici a favore dei ladini

A.1 Ladinia intera

 Le Provincie autonome e la Regione Veneto favoriscano l’annessione dei 3 comuni ladini bellunesi – Fodom/Livinallongo, Colle Santa Lucia, Ampezzo – alla Provincia autonoma di Bolzano. L’esito quasi unanime del referendum non può essere ignorato. La divisione fascista del 1923 fra i ladini va finalmente superata mediante uno spedito iter parlamentare.

  1. Nell’ambito della riforma parlamentare, rispettivamente nelle leggi elettorali seguenti e ovviamente nello Statuto di autonomia, necessita prevedere apposite circoscrizioni elettorali comprensive dei 18 comuni e delle 3 frazioni dei ladini delle Dolomiti.
  1. Le Provincie autonome e la Regione Veneto sostengano ogni iniziativa, organizzazione e infrastruttura interladina atta a rafforzare la cooperazione tra le vallate e l’unità politica e culturale della Ladinia.
  1. La Lia di Comuns Ladins va dotata concretamente di competenze e mezzi. Essa si adoperi per la parificazione dei diritti di tutte le zone ladine.
  1. Le Provincie autonome e la Regione Veneto riconoscano l’Union Generela di Ladins dla Dolomites (U.G.L.D.) quale rappresentante culturale di tutti i ladini dolomitici ai sensi dell’art. 3 comma 1 della legge sulla tutela delle minoranze n. 482/1999 e quale interlocutrice principale della Lia di Comuns Ladins, seguendo l’esempio della Lia Rumantscha in Svizzera.
  1. I collegamenti stradali dei passi dolomitici costituiscono la via di comunicazione principale fra i ladini e vanno apprestati in modo da consentire la circolazione tutto l’anno. L’introduzione di un pedaggio o di altre limitazioni alla circolazione comporterebbe probabilmente un’ulteriore divisione ed isolamento delle valli ladine.

A.2 Provincia autonoma di Bolzano/Südtirol

 In base allo Statuto di autonomia i ladini sono rappresentati in Consiglio Provinciale ma in Giunta Provinciale entrano solo con il consenso della maggioranza. L’art. 50, comma 3 di detto Statuto va pertanto modificato nel senso di trasformare la facoltà di rappresentanza in Giunta in mano alla maggioranza in diritto della minoranza.

  1. Con un consigliere soltanto i ladini sono sottorappresentati e non possono nemmeno coprire le cariche istituzionali riservate al gruppo, quali la vicepresidenza del Consiglio e l’assessorato richiesto. Si chiede pertanto che la legge elettorale sia modificata in modo da garantire la presenza di due ladini in Consiglio provinciale.
  1. Ai ladini va garantita la rappresentanza nel A.R. e nelle Commissioni statutarie dei 12 e dei 6.
  1. L’assessore ladino deve occuparsi in primo luogo degli affari ladini, della promozione della cultura, dello sviluppo della scuola, della valorizzazione e normalizzazione della lingua, della cooperazione con istituzioni ladine delle provincie limitrofe, della riunificazione dei ladini.
  1. Per importanti servizi pubblici (intendenza, tavolare, catasto, lavoro…) vanno costituiti uffici periferici nelle valli ladine per arrestare la forte emigrazione di intellettuali e garantire l’uso della lingua ladina.
  1. La regola proporzionale va modificata nel senso di consentire deroghe per l’accesso dei ladini ai posti anche alti della pubblica amministrazione provinciale e locale; con ciò si evita la dichiarazione di appartenenza ad un altro gruppo per accedere ai posti di lavoro. L’indennità di lingua ladina va concessa a tutti i ladini che lavorano nella pubblica amministrazione e anche ai dipendenti pubblici che hanno acquisito il patentino in lingua ladina. Si nota al riguardo che ben 150 posti riservati al gruppo ladino sono oggi occupati da appartenenti ad un gruppo linguistico diverso.
  1. Nei comprensori della Val Pusteria e Salto-Sciliar il ladino va usato come lingua ufficiale paritaria. Va comunque perseguita la costituzione di un comprensorio ladino con competenze specifiche adeguate alla minoranza, il che favorirebbe anche il miglioramento della situazione linguistica ed il rafforzamento dell’identità ladina.
  1. Il Museo ladino va attribuito alla competenza dell’assessorato ladino.
  1. Promozione della lingua ladina

 Attualmente manca una politica linguistica unitaria ladina e la collaborazione fra le istituzioni culturali ladine lascia non poco a desiderare. Le 11 tesi elaborate dalla U.G.L.D. nel 2005 per una politica linguistica comune è un’ottima base per procedere in sede politica ed istituzionale.

  1. Il riconoscimento e l’uso della lingua scritta unificata, unitamente al rispetto e alla cura degli idiomi di valle, costituisce un fattore indispensabile per la conservazione della lingua e dell’identità ladine. Il modello svizzero, con il riconoscimento del Romantsch Grischun come unica forma ufficiale della lingua retoromana scritta, vale anche per le necessità della Ladinia.
  1. La delibera n. 210 del 27.01.2003 della Giunta Provinciale di Bolzano sull’uso della lingua ladina negli uffici pubblici e negli atti normativi va modificata nel senso che la lingua ladina unificata deve essere usata per atti, documenti e comunicazioni che riguardano più vallate o zone ladine (leggi, regolamenti, certificazioni, carta d’identità…). L’uso alternativo o addirittura contemporaneo di più idiomi ladini difetta di qualsiasi logica, è inutile e discriminatorio. Lo stesso accertamento della conoscenza della lingua deve tener conto anche del ladino standard.
  1. I ladini hanno il diritto di avere tutti i documenti e le comunicazioni che li riguardano anche nella loro lingua madre.
  1. Dove è previsto dalla legge, la lingua ladina va applicata sistematicamente e senza omissioni: ciò vale non solo per i comuni ladini ma anche a livello di Provincia, compreso il capoluogo Bolzano. Proprio in virtù della parità di diritti fra i 3 gruppi, tutti gli uffici particolarmente rilevanti in provincia di Bolzano vanno denominati ed indicati anche in lingua ladina (tribunale, ospedale, comune, uffici provinciali, ufficio delle entrate…). Tramite l’evidenziazione e l’“affissione” il ladino può conseguire uno status più alto e un’accettazione più larga, interna ed esterna.
  1. La toponomastica ladina, nota da centinaia di anni anche al di fuori della Ladinia (esonimi), va usata negli scritti e nella segnaletica.
  1. Le associazioni culturali che si occupano in particolare della lingua e della cultura ladine devono essere finanziate pubblicamente, in modo da garantire la loro piena attività ed efficienza. Il sostegno può anche avvenire attraverso la U.G.L.D. ed in aggiunta al finanziamento da parte di altri enti.
  1. Va sostenuta in particolar modo l’attività editoriale e con essa i giovani autori ladini.
  1. Un osservatorio linguistico gioverebbe al miglioramento della sostanza linguistica. L’Istituto culturale tedesco dispone da anni di una simile struttura che vigila sulla buona conservazione della lingua tedesca.
  1. Media ladini

 Alla RAI ladina di Bolzano devono poter accedere i ladini di tutte le valli, per rafforzare lo spirito di unione della minoranza. La sede principale può rimanere a Bolzano, ma alcuni posti vanno trasferiti nelle valli per avere un contatto diretto con la popolazione e facilitare il lavoro.

  1. Le trasmissioni radiotelevisive in ladino devono essere sostanzialmente ampliate in termini di tempo e di contenuti, affinché possano trattare anche temi diversi dalla mera informazione locale. La Tv ladina può costituire un forte antidoto all’influsso sulla lingua ladina delle onnipresenti trasmissioni in lingue diverse. I retoromani della Svizzera hanno trasmissioni nella loro lingua per l’intera giornata.
  1. Al settimanale „La Usc di Ladins“ le provincie autonome o chi per esse dovrebbero garantire una copertura finanziaria pluriennale nell’ammontare almeno del 25% della spesa, in modo che si possano creare due edizioni nella settimana e assumere collaboratori qualificati fissi. Le provincie autonome stesse e le regioni potrebbero sostenere “La Usc” anche con le proprie inserzioni.
  1. Necessita un’agenzia di stampa ladina per fornire le notizie più attuali anche ai gruppi linguistici diversi: già anni addietro il presidente della Provincia di Bolzano Durnwalder ritenne utile un simile progetto, disponibile da tempo ai retoromani svizzeri.
  1. Ripartizione ladina presso la Facoltà di scienze della formazione dell’Università di Bolzano

 Il ladino dovrebbe essere presente, almeno come materia da scegliere, in tutte le direzioni di studio e non soltanto nella Facoltà di scienze della formazione.

  1. Tutte le istituzioni culturali più importanti devono collaborare strettamente alla normalizzazione del ladino sotto la direzione scientifica dell’Unibz di Bressanone.
  1. A detta ripartizione vanno attribuiti più mezzi che consentano l’assunzione di collaboratori qualificati e garantiscano posti di lavoro sicuri; l’aumento del personale attuale (1 professore e 1 assistente) urge in ogni caso.
  1. Come istituzione sovra-locale l’Università deve considerare i bisogni di tutte le valli ladine, occupandosi anche della lingua ladina unificata.
  1. Al momento della fondazione dell’Università si prevedeva un apposito „Istituto di ladinistica“ con una dotazione assai maggiore dell’attuale sezione ladina: detto istituto va instaurato.
  1. La Facoltà di scienze della formazione deve garantire competenze eccellenti in tutte e 3 le lingue provinciali. Visto che il tedesco è dominante nell’iter educativo della maggior parte degli studenti ladini, necessita curare in modo particolare il ladino e l’italiano.
  1. Intendenza scolastica ladina

 Da un confronto delle situazioni istituzionali emerge con chiarezza che il dipartimento ladino è fortemente svantaggiato rispetto a quelli per la lingua e cultura tedesca e italiana. Si richiede pertanto:

  1. Il trattamento paritario dei 3 dipartimenti, con la nomina dell’intendente ladino a direttore di dipartimento per le scuole e la cultura ladina e lo stato paritario nel campo dell’innovazione e della consulenza.
  1. Centri di consulenza della ripartizione 18; la creazione di un ufficio culturale locale per la promozione dei posti di lavoro e per l’ampliamento dei servizi a favore della popolazione ladina.
  1. La competenza „cultura“ e „lavoro giovanile“ va attribuita all’intendente ladino.
  1. Necessita il potenziamento della collaborazione transfrontaliera dei ladini.
  1. L’Intendenza ladina deve in ogni caso conservare la propria indipendenza rispetto alle intendenze italiana e tedesca. Le sue strutture e competenze vanno rafforzate. Anche la dotazione finanziaria delle scuole e dei servizi dell’Intendenza ladina vanno potenziati.
  1. L’insegnamento paritetico deve garantire la parità di risultati in tedesco e italiano. A tale scopo occorrono misure di sostegno a tutti i livelli scolastici nonché una formazione trilingue paritaria degli insegnanti.
  1. Necessita una forte rivalutazione dell’insegnamento del ladino e non soltanto della materia „lingua ladina“ ma anche di altre materie che possono essere insegnate, almeno parzialmente, in ladino, come la storia, la geografia, o l’arte.
  1. Le scuole musicali ladine vanno integrate nell’Intendenza ladina alla pari di quelle in lingua tedesca e italiana.

Badia, 15 gennaio 2016

Dr. Lois Trebo                                                   Dr. Erwin Valentini

 

Memorandum - propostes per n program politich-cultural

[signature]

205 signatures

Mana inant a Ti amisc tres:

   


					
					
Ultimes sotescrizions
205Davide ConederaAgortInaant cossita!Jun 14, 2017
204Andreas BrunnerBruneckOct 18, 2016
203Riccardo MonegoBellunoChest y ence dut per i ladinsOct 06, 2016
202Jan Matia PrinothUrtijeiComplimënc per l’mpëni y la ulentà de ulëi miurè la situazion. L me sa idees y propostes interesantes; L fossa bel sce zech se pudëssa muëver te chësta direzion. Aug 23, 2016
201Cristian KollmannBozen, Poazn, Bulsan, Balsan, BusanAug 01, 2016
200Werner PramstrahlerBulsanJul 13, 2016
199Karin WinklerBalsanMay 09, 2016
198Marina CrazzolaraSan cassianoSun a űna!Apr 30, 2016
197Lucia GrossPozza di Fassa /PozaApr 29, 2016
196Cleto ValentiniBadia / GenèveApr 24, 2016
195dolores darizbalsani sun a ünaApr 13, 2016
194Wally CastlungerVeronaApr 04, 2016
193CLAUDIO de ZANNACORTINA D'AMPEZZOApr 02, 2016
192Francesca DipolCortina d'AmpezzoApr 02, 2016
191Zangiacomi Renato IacaredeCortina d'AmpezzoApr 01, 2016
190Elsa ZardiniCortina d'ampezzopresidente Union de i Ladis d'AnpezoApr 01, 2016
189Guido Gillarduzzi "Berto"Cortina d'AmpezzoMar 31, 2016
188Tatiana ToscaniCortina d'AmpezzoMar 30, 2016
187erica dallagoanpezoMar 29, 2016
186vittorio bigontinacortina d'ampezzoMar 29, 2016
185Karin PizzininiMar 15, 2016
184Gunther MellaunerMar 14, 2016
183Piccolruaz AnneliesMar 14, 2016
182Maria ValentinMar 14, 2016
181Ivo mariano TaibonSan Vigilio di MarebbeMar 14, 2016
180Lois MorlangAl PlanMar 14, 2016
179CRISTINA COLCUCCOLMar 14, 2016
178Valentin ElisabethMAREOMar 13, 2016
177Artur CraffonaraMareoMar 07, 2016
176lucia irsaraBolsanMar 07, 2016
175Paul TreboMar 06, 2016
174Markus AlberRastorfMar 06, 2016
173annamaria pezzeibadiaMar 05, 2016
172irma naglerbadiaMar 05, 2016
171Gottfrid TavellaLa ValMar 05, 2016
170Eveline RudiferiaBadiaMar 05, 2016
169EMANUELA DORIGOFODOMMar 03, 2016
168angelo frenacolle s luciaMar 03, 2016
167Maria Grazia DelmonegoColMar 03, 2016
166Paul VidesottAl Plan de MareoMar 03, 2016
165Franco DonéBolsanMedemi derc per duc i LadinsMar 01, 2016
164Dander AnnamariaFodomMar 01, 2016
163Teresa MolingBadiaGiulan ales persones che laora bele tan de agn cun convinziun pur i ladinsMar 01, 2016
162Testor SerafinoFodomMar 01, 2016
161Anita AlfreiderCalfoschMar 01, 2016
160Riccardo MasareiColLe ora de tornà duc auna !!Mar 01, 2016
159Norma DalvitMar 01, 2016
158GABRIELA IRSARASan Martin de TorMar 01, 2016
157Isabella MarchioneFodom Mar 01, 2016
156GIOVANNA IRSATRASan Martin de TorMar 01, 2016
155Lorenzo SoratroiFodomLadini unidaMar 01, 2016
154Michele PallaMar 01, 2016
153Lucia FoppaFodomMar 01, 2016
152Irene DemattiaFodomMar 01, 2016
151Beatrice ColcucColle Santa LuciaMar 01, 2016
150Roberto MarchioneFodomMar 01, 2016
149Oscar NaglerFodomLadins duc auna! Region DolomiticaMar 01, 2016
148DAPUNT SEPLBADIAFeb 29, 2016
147Lezuo CorradoFodomFeb 29, 2016
146Dell'Andrea MariasColFeb 29, 2016
145Otto HolzknechtBulsanFeb 29, 2016
144Wilma ChizzaliCol s. LuziaOn ora de torna a Cesa nostra......suedtirolFeb 29, 2016
143Giacomo ColcucFeb 28, 2016
142Marianna ColcucFeb 28, 2016
141Emanuele SiefColle S. LuciaFeb 28, 2016
140Miribung HanneloreCol /Buchensteinsperun de ruve presc adum Feb 28, 2016
139Dell'Andrea LucaCol St.LuziaFeb 28, 2016
138Dell'andrea FrancescoCol/Buchensteinein tirolFeb 28, 2016
137Rafael PruggerMilandantfora l LDFeb 28, 2016
136Roland MolingCorvaraFeb 28, 2016
135Crepaz MillyBuchenstein Fodom Nnavànt coscita!Feb 27, 2016
134Crepaz LucianoLivinallongo - FodomFeb 27, 2016
133Paolo BeggioBusangran oraFeb 26, 2016
132Marinella CrepazFODOMEn Dio vel paie a chi che ha scrit ite cast Memorandum e che no sa desmentie via de nos. Feb 26, 2016
131Marco TasserColle Santa LuciaFeb 25, 2016
130Magdalena LercheggerFeb 25, 2016
129Davide PellegriniBuchensteinfosa ora grana de cambiè le robe...!Feb 24, 2016
128Lorenzo PellegriniBuchensteinSpero che foradenia se pobe avei nosc diric coche disc la storia!!Feb 24, 2016
127Roland RudiferiaBadiaFeb 24, 2016
126Marta FrenaBadiaFeb 24, 2016
125Walther KasslatterRuncadicFeb 24, 2016
124Stefan KasslatterRuncadicFeb 24, 2016
123Maria Teresa FerdiggBornechFeb 23, 2016
122Clara SoráAl Plan de MareoFeb 23, 2016
121Paul WieserTuricFeb 22, 2016
120Martino CostalungaSan Martino in BadiaFeb 22, 2016
119walter TestorfodomFeb 22, 2016
118Fabian TirlerCiastelFeb 21, 2016
117Tone KastlungerHelsinkiFeb 21, 2016
116André ComploiVìenaFeb 21, 2016
115Luiza Savi MondoCol S. Luzia/ La VilaFeb 21, 2016
114nadia pezzeiColle Santa Lucia Feb 21, 2016
113MAURIZIO TROIFeb 21, 2016
112Daniele Dell'Andrea Col La VilaFeb 21, 2016
111Oscar TroiCorvaraFeb 21, 2016
110nagler valentini mariabadiaFeb 20, 2016
109Elisa IrsaraFeb 20, 2016
108Pescoller FridlBadiaNosc lingaz dess ester tigni cundignité sëgn y tl dagniFeb 20, 2016
107Roland SilaInnsbruckFeb 20, 2016
106frenner seplla valFeb 20, 2016
105michela LiottoBadia - Bozengiulan pur l'gran laur fat!Feb 20, 2016
104silvano soraruirebaein tirol....Feb 20, 2016
103Stefan KamelgerVahrn/NeustiftFeb 20, 2016
102Stefan KamelgerVahrn/NeustiftFeb 20, 2016
101Fortunato FerdiggAl Plan de MareoFeb 19, 2016
100Davide DalponteCorvaraFeb 19, 2016
99Schanung FranzBadiaFeb 19, 2016
98Richard ClaraMareoFeb 19, 2016
97Marlene IrsaraFeb 19, 2016
96Giulia TasserFeb 19, 2016
95Maurizio ChizzaliColle Santa LuciaFeb 19, 2016
94Hermann salacolle Santa Lucia Feb 18, 2016
93Leopold TavellaSan martin de torFeb 18, 2016
92PIZZININI INGRIDBADIAFeb 18, 2016
91MOLING AUGUSTINLa ValFeb 18, 2016
90Lisi TreboInnsbruckFeb 18, 2016
89Lezuo IrisFodomFeb 17, 2016
88Sala ChristianFodomFossa polito avei le scole valive en te dute le val ladine a na moda da ester duc compagn Feb 17, 2016
87Conrad Irsara Corvara Jid ma cun convinziun!Feb 17, 2016
86Max GroßrubatscherVahrnGran eura che la "politica" ladina sibe per la Ladinia y nia mé plu per la SVP.Feb 16, 2016
85Demattia DamianoLa pliè da Fodomen diovelpaie a chi che ha scrit el memorandum , speron che velch se muove foeìra ence per i comuns de souramont.Feb 16, 2016
84Valentina RottonaraLa VillaFeb 16, 2016
83Nadia ChiocchettiMoenaFeb 15, 2016
82Manuela LadurnerfodomFeb 15, 2016
81Chiara RoccoFeb 15, 2016
80Maria ValentiniAl Plan de MareoI sun a öna con ci co é gnü dé dantFeb 15, 2016
79Walter FinazzerLa Pliè da Fodomtegnon auna che pian pian je ruon!Feb 15, 2016
78Margareth PalfraderAl Plan de MareoFeb 15, 2016
77Georg FrennerAl PlanFeb 15, 2016
76Davide TestorpuchensteinFeb 14, 2016
75Ivan LezuoBolsanSouramont auda pro Südtirol!Feb 14, 2016
74Emma MussnerSelvaFeb 14, 2016
73Sabine FederaAl Plan de MareoFeb 14, 2016
72RICCARDO DEBERTOLBOLZANOladins=ladin dolomitan + ladiniaFeb 14, 2016
71Paula AgreiterLa ValFeb 14, 2016
70Sepl MolingLa ValFeb 14, 2016
69Sonja SchmidFeb 13, 2016
68Grossrubatscher LorenzurtijeiFeb 12, 2016
67Milva MussnerSelvaFeb 12, 2016
66giuvani frenesLa ValFeb 11, 2016
65Gudrun Mussner Urtijei Feb 10, 2016
64GEORG MORODERURTIJËIme sa dut richiestes dret da fundamënt, me mancia defin la minoghes de la Politica SVPFeb 10, 2016
63Cristina ClaraFeb 10, 2016
62Hubert ComploiSelva Feb 10, 2016
61Peter CroceCianaceifosa ora de far en lengaz unich, ma de segur no se ge rua per invidiaFeb 09, 2016
60Iarone ChizzaliSan Martin de TorFeb 08, 2016
59Sieff MarzioUrtijeiFeb 08, 2016
58Iris ErlacherFeb 08, 2016
57Egon PescollderunggAl Plan de MareoFeb 08, 2016
56Anna RudiferiaFeb 08, 2016
55Pablo PalfraderFeb 08, 2016
54Lois RottonaraLa IlaFeb 07, 2016
53Susy RottonaraLa IlaAn mëss sostigní la cultura ladina te vigni ciamp cun dötes les forzes a desposiziunFeb 07, 2016
52Ubi ValentiniBadiaFeb 07, 2016
51carlo dapozbadiaFeb 07, 2016
50Reinhold PescollerBadiaFeb 07, 2016
49Elisabeth KostnerNia cun dutes sons a una,ma cun ngrumFeb 06, 2016
48Elisabeth TiesBadiacomplimonc por les propostes y por le gran laurFeb 05, 2016
47Edith FiglSchennaFeb 05, 2016
46Karl Senoner39047 S. CristinaVollständige Selbstbestimmung in Sprache + Kultur Feb 05, 2016
45Dietrich PescollerBadiaFeb 05, 2016
44oscar alfreidercorvaraFeb 05, 2016
43Samuel ClaraFeb 04, 2016
42elisabeth valentiniFeb 04, 2016
41Alex StampferLa IlaFeb 04, 2016
40Elvis BurchiaBadiaFeb 04, 2016
39Elio ClaraFeb 04, 2016
38Natalie DalponteFeb 04, 2016
37Erbino IrsaraBadiaFeb 04, 2016
36Kari IrsaraBadiaFeb 04, 2016
35albert pizzininiladins descededeFeb 04, 2016
34Moling Maria MagdalenaFeb 03, 2016
33Simon ConstantiniBrixenFeb 03, 2016
32Franz MolingLa ValFeb 02, 2016
31Maria FrennerSan Martin de TorFeb 02, 2016
30Siegfried IrsaraBalsan / AntermeiaFeb 02, 2016
29Trebo ResiBadiaFeb 02, 2016
28Felix PlonerLa PliSun a öna con le catalogh - laoré messal gní sön le modo da atué concretamënter les ghiranzesFeb 02, 2016
27Vinzenz Peristi UrtijëiFeb 02, 2016
26Franz TreboFeb 01, 2016
25Pasquale SchuenSan Martin de TorFeb 01, 2016
24Ruth VidesottFeb 01, 2016
23Michael MolingSan Martin de TorSön döt ne sunsi nia a öna, val' cossa podess gni ampliada, por la gran pert sunsi a öna! Complimënc por le gran impëgn! Feb 01, 2016
22Josef PedevillaGargazonI ne sun nia a öna cun döt, mo i aprijeii der la scomenciadiva. N gran dilan!Feb 01, 2016
21Verena CrazzolaraFeb 01, 2016
20Diego ClaraAl Plan de MareoJan 31, 2016
19Hubert DalponteCorvara in BadiaJan 31, 2016
18Dapoz EdithBadiaJan 31, 2016
17trebo maxbadiaJan 31, 2016
16nagler mariabadiaJan 31, 2016
15Lois CastlungerLa IlaNa löm de speranza por la LadiniaJan 31, 2016
14Ploner JakobSan Martin de TorJan 31, 2016
13bonifazio willeitbalsanAl mancia en pü i Ladins fora de ca.Jan 31, 2016
12Werner PallaKaltern an der WeinstraßeJan 30, 2016
11Markus MolingJan 30, 2016
10Mateo Taibon Jan 30, 2016
9Sabina WilleitEppanJan 30, 2016
8Carlo WilleitJan 30, 2016
7Ingeborg DejacoAl Plan de Mareoen bel laur.....iolanJan 30, 2016
6Marco PizzininiAl Plan de MareoBona iniziativa, iolanJan 29, 2016
5Lois CraffonaraBruneckJan 29, 2016
4Iaco RigoMareoJan 29, 2016
3Giovanni MischiSan Martin de TorIe son a una con l catalogh dles ghiranzes - na vijon clera y ampla dla politica culturala dl davegnì!!Jan 29, 2016
2Daria ValentinBadiaJan 29, 2016
1Christian PlonerJan 28, 2016
Al me plej(4)Al ne me plej nia(0)