L President dla Generela Michil Costa - n comentar
Data: 18 March 2006 da les 22:20:38
Tema: Politica


 

Na autra talibaneda de Michil Costa

N comentar: n valgugn l à bele desciarié - Al fossa ora che al s'en jissa da la Generela

N valgugn l à bele desciarié y lascé sun streda y al fossa gran ora che ence la Union Generela l metessa da na pert sce ala vuel salvé sia dignité. Ala se trata dl president dla Union Generela, Michil Costa, che miena de podei dí privatamenter sia minonga, zenza se conscidré l president dla Generela. Al à scrit per si sciors dl Hotel Perla da Corvara na letra per i asseguré de sia "italianità".

Michil Costa: "Siamo felici di essere italiani. Se un piccolo gruppo di sudtirolesi non vuole essere italiano, allora queste persone possono anche andarsene" (enscì tla newsletter clameda 'perlae ladines').

 



 N proverb latin dij: "scripta manent, verba volant" y la letra é ruveda tles mans dl aconsiadour provinzial Franz Pahl che à atira fat na mozion tl Consei. Costa tol posizion contra la petizion di scizeri y dla SVP fata a Viena y firmeda da 113 ombolc de Südtirol y al lauda samben l ombolt de Corvara che é un di trei che ne à nia firmé. Tla letra él n valgunes paroles che envieia chi che ne é nia contenc dla situazion de Sudtirol de s'en jí demez.

Al vegn dit "se un piccolo gruppo di sudtirolesi non è contento e non vuole "essere italiano", allora queste persone possono anche andarsene.  L'Alto Adige non è una colonia, ma sacrosanto territorio dell'Italia e in Italia noi stiamo bene, molto bene." Y Pahl respon: "Eine solch unverfrorene Herabsetzung jener Südtiroler, die an der geistig-kulturellen Einheit des Landes Tirols festhielten, sei mit der Präsidentschaft einer vom Land geförderten ladinischen Kulturvereinigung unvereinbar" (Na tel arbasseda de chi sudtiroleisc che à tres cherdù a l´unité spirituala-culturala dla tera tiroleisa é incompatibla con la presidenza de na union culturala ladina che peia do contribuc provinziai). Ence sce Costa protesteia, dijan che chesta é demé na minonga personala, se àl empò bele giaté na drameda propi da la provinzia. La presidenta dl Consei Provinzial, Stirner-Brantsch Veronika, ova envié Michil Costa a tó pert a na delegazion che jiva tla India y tl Tibet. La delegazion é bele sun l viade, ma el é vegnù sclut fora da la delegazion al ultim moment, propi per chestes sies declarazions. Enscì ál n pue de temp da pensé do a sia "talibanedes", a si fruc souraldut negatifs per la Generela. Costa minova de podei anuzé l viade tla India y tl Tibet per fé reclam dla Maratona dles Dolomites. Da chilò enfora veiden che Costa pensa na outa a sies cosses, a si sciors y a sies manifestazions y la presidenza dla Generela é demé n pice hobby y al se prova de despartì de vigni vers sie comportament privat da sie mandat desche president dla Generela. Samben ne ti crei plu degugn. Ma cie che é piec é l dann che al ti fej a la Generela con sies matades. La Generela é encuei te na situazion dassen burta. Souraldut a livel politich. Ala ne dij plu net nia. Ala ne à tout deguna posizion tl vers dla Cesa di Ladins. Egon Vinatzer, president dla Union di Ladins de Gherdeina, é vegnù lascé soul a se bate per i finanziamenc per l derturament dla Cesa. Tegnan cont che trueps ladins, dantaldut de Gherdeina, conscidreia la Generela tles mans de persones de orientament talian, spo él cler che les esprescions de Costa ti dà dret al 100%. Dessegur devéntel plu rie ti damané finanziamenc ai todesc, canche an fej certes declarazions. Sudtirol à sia mentalité y Costa pò en avei na autra, ma anter i doi él amesaite la Generela che mess desmostré de savei vive tl clima sozial y politich de sie ambient. Encuei pèrel che al ti mance chesta coscienza, propi per gauja de sie president. Al moment pèr la Generela morta y sce ala vuel ester viva tres chestes matades, spo él propi la fin. (uc)

 

La newsletter de Michil Costa metuda on-line sun l sit dl Hotel La Perla/Corvara:

Basta provocazioni!

Lo scopo di questa newsletter é quello di tenerVi al corrente di quello che succede tra queste maestose cime, di renderVi partecipi delle novità della nostra Casa, di fare in modo che semplicemente ci sia un legame tra noi e Voi che ci leggete, sempre sperando che ci leggiate, ovviamente. É successa una cosa nelle ultime settimane, che non centra con noi, La Perla, e nemmeno con i nostri bei monti, una cosa della quale vorremmo però, brevemente darVi notizia.

Avrete letto della petizione firmata da 113 su 116 sindaci dell’Alto Adige e rivolta a Vienna per chiedere l’inserimento nella nuova costituzione di “un riferimento alla funzione dell’Austria, quale potenza tutrice dell’autonomia dell’Alto Adige”.

Ebbene, uno dei tre non firmatari é il nostro sindaco di Corvara. Noi, famiglia Costa, siamo perfettamente d’accordo con il nostro sindaco: siamo felici di essere in Italia, abbiamo un’autonomia che funziona bene, siamo consapevoli dei tanti vantaggi che abbiamo con il nostro statuto speciale. A prescindere dal fatto che non ci sarà mai un’annessione all’Austria, è stata solo una forte provocazione pre elettorale e per noi ladini questa sarebbe una vera catastrofe. Sentiamo profondamente questa identità, e già la suddivisione in tre diverse province e due regioni ci crea non pochi problemi. Ve la immaginate una “Ladinia” divisa in tre diversi stati? Ampezzo, Livinallongo con Colle Santa Lucia e la Val di Fassa in Italia, la Val Badia e la Val Gardena in Austria? Sarebbe un disastro per la nostra cultura, per la nostra lingua, per le nostre tradizioni. E ai restanti altoatesini non poterebbe nessun vantaggio, anzi!

Siamo ben felici di essere italiani e di poter essere qui. La storia non si può e non si deve cancellare, il mondo va avanti, tornare indietro significherebbe cancellare la memoria.

L’autodeterminazione implica la frammentazione di uno stato. Se un piccolo gruppo di sudtirolesi non è contento e non vuole “essere italiano”, allora queste persone possono anche andarsene. L’Alto Adige non é un colonia ma sacrosanto territorio dell’Italia. E in Italia noi stiamo bene, molto bene.

Sinceramente mi sembra anche eccessivo l’appello di Franco Ziliani che consiglia di non comprare più prodotti altoatesini e di non scegliere più l’Alto Adige come meta per le vacanze.
Signor Ziliani, cari ospiti: Vi prego, non arrabbiateVi con tutti gli altoatesini, i provocatori ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Viva Südtirol in Italia, viva gli italiani in Alto Adige, viva il mondo, viva viva viva un mondo di pace e di serenità.


 

 

 
 






L articul vegn da Noeles.net - Informazion ladina
http://www.noeles.net

L URL per chest articul é:
http://www.noeles.net/modules.php?name=News&file=article&sid=1221