benvegnus Noeles.net - Informazion ladina
Noeles.net
    Vos ne seis nia loghé ite.   [ Loghé ite ]    

Union Generala di Ladins dles Dolomites
scrit ai 12 August 2004 da les 10:47:00 da noeles

Cultura

 

Nani Pellegrini si dice seriamente preoccupato 

Seduta del direttivo della "Union Generela" - prove durissime, anche se non le manca il pieno appoggio dei delegati di tutte le valli e quello della maggioranza dei 18 sindaci - L'assessore alle minoranze Florian Mussner (Svp) taglia intanto i contributi e boicotta - Articul sourantout dal Alto Adige

de Berto Videsott

L’Unione generale dei Ladini che abbraccia tutte e cinque le valli ladine delle Dolomiti: Val Badia, Gardena,  Fassa, Livinallongo con Colle Santa Lucia ed Ampezzo, compie il prossimo anno i cento anni, ma è costretta a subire prove durissime, anche se non le manca il pieno appoggio dei delegati di tutte le valli e quello della maggioranza dei 18 sindaci. Cento anni di lavoro, d'intrecci al fine di mantenere i legami culturali tra tutte codeste valli sembrano destinati ad essere misconosciuti dal partito della SVP. Non solo non si accetta di parlare di riconoscimento ufficiale della Union Generela di Ladins dla Dolomites da parte della provincia di Bolzano, ma le si dichiara apertamente guerra. Da sinistra: il presidente della Generela Nani Pellegrini, Fabio Chiocchetti e il vice-presidente Egon Vinatzer.



Questo è quanto emerge dalla seduta del comitato direttivo della Union Generela, riunitosi venerdì scorso al passo del Sella. Vi hanno preso parte l'ex-presidente ed attuale membro onorario sig.ra Ilda Pizzinini, il presidente ing. Nani Pellegrini, il vicepresidente, nonché presidente dell'Union di Ladins de Gherdeina, Egon Vinatzer, il dott. Fabio Chiocchetti, direttore dell'Istituto culturale ladino  "Majon di Fascegn " di Fassa, nonché i due rappresentanti delle Valli facenti parte del direttivo. Argomento centrale della seduta: il blocco dei contributi provinciali e regionali per il no del presidente Durnwalder e dell'assessore Florian Mussner. Si tratta di un taglio di 21.000 euro da parte della Provincia di Bolzano e di atrettanti, se non di più, da parte della Regione Trentino-Südtirol. È ben vero che Mussner ha concesso quest'anno un 3% in più di contributo all'organo di stampa della Generela: il settimanale "La Usc" a condizione che eviti la critica politica nei confronti della SVP, ma la priva di una grossa fetta per altre iniziative. Il contributo da parte della Regione doveva essere destinato, come negli anni passati, a finanziare le ricerche per la formazione di un linguaggio unificato tra tutte le valli ladine. Si parla del progetto SPELL, che negli ultimi anni, grazie anche al sostegno finanziario europeo, ha realizzato sotto la direzione del prof. Erwin Valentini dei progressi enormi creando la prima grammatica del ladino standard ed il primo vocabolario standard offrendo così a molte istituzioni pubbliche e private di esprimere i loro comunicati nel linguaggio standard. La SVP gardenese è sempre stata fortemente contraria e parla ripetutamente di voler far precedere il progetto SPELL da un referendum. Da quando i gardenesi, dopo l'intermezzo del rappresentante di "Lista Ladins" Carlo Willeit, hanno ripreso il timone della politica ladina, ogni iniziativa riguardante lo SPELL, è stata boicottata dall'assessore Florian Mussner, il quale ha prima bloccato la commissione incaricata del progetto affidandone il compito di studio all'Istituto culturale ladino "Micurà de Rü" di San Martino in Badia, ossia al suo direttore, Leander Moroder, assai poco entusiasta del progetto, in quanto puzzerebbe troppo di tonalità italiana. Ora il progetto è letteralmente morto e gli addetti al lavoro fanno tutt'altro, come conferenze a Radio ladin su tematiche che nulla hanno a che vedere con lo SPELL. Anzi, Mussner ha tagliato corto escludendo i ladini fuori della provincia di Bolzano ed introducendo un duplice linguaggio standard: il gardenese ed il badiotto della Val Badia parlato nella località di San Martino di Tor.

Infine, per dare prova di chiaro rifiuto della Generela, ha assegnato i 21.000 euro della Provincia in parte alla Union di Ladins della Val Badia (16.000) ed i restanti 5.000 alla Union di Ladins della Val Gardena.

Il presidente della Generela, Nani Pellegrini, si dice seriamente preoccupato di questo nuovo atteggiamento. Rimane la speranza che la prossima conferenza dei sindaci ladini pretenda un po' più di democraticità. (uc, AA)

Liams:

 Pruma senteda dl Consei diretif nuef dla Union Generala di Ladins

 

 


 
Liams emparentés
· Deplú sun l tema Cultura
· Chier te noeles


L articul plu liet te chest tema Cultura:
Sotescrivede l Manifest LADINIA 2005!


Valutazion dl articul
Cumpeida mesana de oujes: 5
Oujes: 4


Preibel toledeves dlaorela de valuté chest articul:

ezelent
dret bon
bon
normal
sclet



Empostazions

 Plata da stampé  Plata da stampé

 Ti ortié chest articul a n/a amich/a  Ti ortié chest articul a n/a amich/a


tema colié / temesc coliés

Politica

Per l contegnú di comentars é l autour dl medem responsabel

Comentars anonims n'é nia ametus, preibel registredeves denant

Re: Union Generala dles Dolomites (ponc: 1)
da EValentini ai 12 August 2004 da les 17:48:26
(Infos sun l utilisadour | Ti mané n messaje privat)
L editour dla Plata ladina dl Alto Adige lascia endò audì na nota che descorda con la montonia informativa di media ladins "ofiziai". An pò ester a una o no con sies minonghes ma almanco ti dìjel pan al pan y vin al vin. Che la SVP y les istituzion controledes da chest partit à bloché l projet de lingaz ladin unifiché o ladin standard y che ala propon a sie post na sort de plurilinguism ladin olà che i idioms de valeda vegn tratés de facto sciche "lingac" é n fat. Y duc sà che ala ne ti à mai volù cis bon a la Union Generela di Ladins.
Nia nueva ma potenzialmenter inovativa é la proposta dla SVP de mete su na Conferenza di ombolc ladins. Tla senteda che dessa vegnì cherdeda ite chest auton vedaronse sce al se trata de n escamotaje per ne reconesce nia la UGL aldò dla lege cheder 482 o sce ala met sun meisa propostes concretes de colaborazion. La conferenza di ombolc sarà y restarà na enconteda ocajionala de enc locai autonoms depierpul che la UGL à te siei gens na vijion y na funzion culturala inter- y panladina. Al é deplù manieres de colaboré y de reconesce la UGL. Un n modus operandi podessa ester chel che La UGL se cruzia dla proposizion y atuazion de programs culturai panladins y la conferenza ti dà ne man politica (p.ej finanziamenc) per realisé chisc programs. Dut depen de cie che an vuel arjonje. I vedaron.


News ©
 
  www.noeles.net



Impressum: Plata on-line publicheda da l'Union Scritours Ladins Agacins - Redazion: Bulsan noeles.info@gmail.com


Implatazion: 0.347 seconc