benvegnus Noeles.net - Informazion ladina
Noeles.net
    Vos ne seis nia loghé ite.   [ Loghé ite ]    

Sun la striara dla lege 482/99
scrit ai 06 August 2004 da les 18:50:25 da noeles

Friul

 

Na agenzia aposta sourantol la politica linguistica

La Agjenzie regjonal pe lenghe furlane (ARLeF) tegnuda a batum enier a Triest - Ala á la funzion de promueve l furlan y de garantí sia unité soura dut l teritore dla Region

La Jonta Regionala dl Friul-Venezia-Giulia à aproé enier a Triest sun proposta dl assessour a la cultura y a les identités linguistiches Roberto Antonaz l statut dla ARLeF, la Agjenzie regjional pe lenghe furlane (Agenzia regionale per la lingua friulana) che arà sia senta a Udin. Sie fin primar é chel de porté inant azions de politica linguistica unitares te duta la region, garantian na unité dla comunité furlana. Chesta arjonta nueva di furlans se enchedra tla striara de revendicazions do la lege regionala dl 1996 y dantaldut la lege nazionala 482/99. Ala ne messessa nience plu doré die che la RAI taliana mete man con trasmiscions tla televijion y tl radio. Chesta Agenzia fova una dles ghiranzes dl Comité furlan 482/99.


La Agenzia, chest veid dantfora l statut, à la funzion de definì y de atué azions de politica linguistica con l fin de promueve, de sostegnì y de coordiné te na maniera unitara duc i programs y dutes les iniziatives che vegn metudes a jì da la Region, da les provinzies y da les aministrazions publiches per deslargé tres de plu l’adoranza dl lingaz furlan, garantian tl medem temp na unité dla comunité y de sia identité. Al ne mancia y ne á nience mancé tl Friul tendenzes politiches da spedicé y da dialetalisé duta la chestion entourn l furlan.
L Consei de aministrazion dl' ARLeF é metù adum da 5 componenc nominés da la Jonta Regionala, da 3 nominés da les provinzies de Gorizia, de Pordenon y de Udin y un perom da l’ANCI dl Friul-Venezia-Giulia (Consei dl'Istruzion)  y da l’Université de Udin. L president dla Agenzia vegnirá nominé tl cheder dl Consei de aministrazion. A la Agenzia ti starál adenjonta permez n Consei tecnich-scientifich componù da 7 esperc de linguistica y de didatica tl lingaz furlan desche ence de sia adoranza ti mass-media y tles produzions artistiches, musicales y multimediales.
 
 
ARLeF: siamo sulla strada giusta, ma bisogna proseguire
 
Il Comitato 482 – che riunisce le associazioni e i gruppi più rappresentativi delle comunità friulana, slovena e germanofona del Friuli – esprime la sua soddisfazione par l’approvazione da parte della Giunta regionale dello statuto dell’ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane). Si tratta di un passaggio importante verso quello che ci auguriamo sia un nuovo approccio da parte della Regione verso la tutela e lo sviluppo della lingua friulana. Lo statuto approvato recepisce le richieste di modifica e le indicazioni di principio avanzate dal Comitato 482: si tratta infatti di un organismo di natura pubblica pensato per programmare e coordinare la politica linguistica per il friulano.
Si pone ora la necessità di fare in modo che la nuova Agjenzie possa operare pienamente e in sintonia con le indicazioni di politica linguistica abbozzate nel suo statuto. Secondo il Comitato 482, ciò può avvenire solamente a due condizioni: 1) che nel Consiglio d’Amministrazione e nel Comitato tecnico scientifico dell’ARLeF siano nominate persone competenti e motivate, in grado di decidere, coordinare ed attuare le linee di politica linguistica necessarie per il pieno sviluppo del friulano; 2) che l’Agjenzie sia dotata di una solida base economica per svolgere pienamente le attività cui è chiamata.
Relativamente al primo punto, ci auguriamo che le nomine vengano fatte al più presto in modo da rendere operativa quanto prima l’ARLeF e che tali scelte siano fatte nell’interesse della lingua friulana e non secondo logiche spartitorie o clientelari. Per quanto riguarda invece la dotazione finanziaria, si è parlato di una cifra sui 3 milioni di Euro. Invitiamo caldamente l’Amministrazione regionale a considerare che tale cifra non coprirebbe nemmeno i costi stimati per l’insegnamento del friulano a scuola (formazione e aggiornamento dei docenti, insegnamento, materiali didattici, ecc.).
Ci troviamo in un periodo particolarmente difficile per quanto riguarda la disponibilità di risorse economiche, ne siamo consapevoli, ma siamo altresì consapevoli di trovarci in un momento delicato anche sul fronte dell’autonomia e della specialità della nostra Regione, sottoposte da più parti a pesanti attacchi. Proprio per questo riteniamo che la classe politica regionale debba sostenere concretamente l’unica ragione di specialità del Friuli Venezia Giulia, cioè la presenza popolazioni parlanti lingue proprie diverse dall’italiano. Se non si difende con forza la base della nostra specialità sarà sempre più difficile difendere gli organismi che tale specialità sono chiamati a mantenere e a sviluppare.
Il Comitato 482 ritiene inoltre che l’Agjenzie non possa operare pienamente senza un adeguato quadro normativo che renda armonica l’attuale situazione caratterizzata da leggi diverse e da competenze frammentate. È dunque necessario che la Regione intervenga al più presto con una legge che armonizzi ed aggiorni il quadro normativo, garantendo così anche il pieno funzionamento dell’ARLeF.
 
Udine, 09/08/2004

 

Il portavoce del Comitato 482

Carlo Puppo

 
Liams emparentés
· Deplú sun l tema Friul
· Chier te noeles


L articul plu liet te chest tema Friul:
Fieste Ladina y IV Colloquium Retoromanistich: program


Valutazion dl articul
Cumpeida mesana de oujes: 0
Oujes: 0

Preibel toledeves dlaorela de valuté chest articul:

ezelent
dret bon
bon
normal
sclet



Empostazions

 Plata da stampé  Plata da stampé

 Ti ortié chest articul a n/a amich/a  Ti ortié chest articul a n/a amich/a


Per l contegnú di comentars é l autour dl medem responsabel

Comentars anonims n'é nia ametus, preibel registredeves denant
News ©
 
  www.noeles.net



Impressum: Plata on-line publicheda da l'Union Scritours Ladins Agacins - Redazion: Bulsan noeles.info@gmail.com


Implatazion: 0.382 seconc