benvegnus Noeles.net - Informazion ladina
Noeles.net
    Vos ne seis nia loghé ite.   [ Loghé ite ]    

Friul: na sentenza ria da glotì
scrit ai 25 May 2009 da les 22:21:02 da noeles

Friul

N tarlui a ciel saren: na sentenza dla Court Costituzionala

5 articui sun 6 dla lege regionala n. 29 dl 2007 declarés ilegitims - L recurs a la Court Costituzionala fova vegnù prejenté dal govern Prodi 

Image Hosting by PictureTrail.com La novela à dé ju sciche n tarlui a ciel saren tl Friul, dantaldut pro les organisazions culturales che se aodova n gran vare inant tla sconanza de lingaz y cultura furlana, brujan sun l nasce te n aiet dutes les speranzes de n miour cheder giuridich. Tres la sentenza n. 159/2009 él vegnù declaré 5 articui dla lege regionala n. 29 dl 2007 nia conforms a la legislazion nazionala y en particolar a la lege cheder sun les mendranzes 482/99. La sentenza é vegnuda deponuda ai 22 de mei 2009.



 

 

 

La ultima stoleda de Prodi
La lege regionala n. 29/2007 sun la promozion dl furlan é vegnuda empugneda dal Govern dant a la Court costituzionala, redont puech dant la dé su, la ultima stoleda.

 L recurs fova vegnù prejenté dl 2008 dal govern de Romano Prodi, enlaouta en ciaria, da pert de n govern zenter-man ciancia, cie che fej la chestion ciamò plu ria da glotì, ence ajache ala fova vegnuda prejenteda dal governadour dla region Friul-Aunejia-Iula de zenter-man ciancia da enlaouta, Riccardo Illy. La setenza tol demez la majera pert dles inovazions che la lege regionala n. 29 che essa comporté n reforzament sostanzial dl lingaz furlan, en particolar l ensegnament oblient te scola per una na ora a l'edema (una!), l dert di furlans de se anuzé dl lingaz a ousc y per scrit ence pro istituzions regionales y nia demé restrent a la provinzia de Udin y ti comuns che se à declarés furlans aladò dla lege 482/99, l dert a na toponomastica ence blot furlana pro i micro-toponims y e.i. Deberieda con l tai di fonds a la lege 482/99 da pert dl govern atual sot a Berlusconi vegn la sconanza y la promozion dl lingaz dla cultura furlana metus a na ria proa. I unics che se para sen a Udin é la Lega Nord che dij tres sie assessour a la cultura, Piero Fontanini, che sen "méssen pié via con na iniziativa nueva". L ex-assessour regional Antonio Antonaz rejona enfinamai de na sentenza feter de stamp fascist. L president dla "Societat Filologjiche Furlane", Lorenzo Pelizzo, dij che chesta sentenza "meina inaò de agn la friza dl temp".

Chesta desfata dant la Court Costituzionala desmostra ence sun cie piesc tant debli che l'autonomia dla region Friul-Aunejia-Iulia sta che ai ne daussa nience vaighé a declaré 1 na ora de furlant te scola oblienta. Valch de tel ne fòssel danz nia suzedù con i todesc Sudtirol con sies competenzes bendefinides.

 

La sentenza n. 159/2009


 
Liams emparentés
· Deplú sun l tema Friul
· Chier te noeles


L articul plu liet te chest tema Friul:
Fieste Ladina y IV Colloquium Retoromanistich: program


Valutazion dl articul
Cumpeida mesana de oujes: 5
Oujes: 1


Preibel toledeves dlaorela de valuté chest articul:

ezelent
dret bon
bon
normal
sclet



Empostazions

 Plata da stampé  Plata da stampé

 Ti ortié chest articul a n/a amich/a  Ti ortié chest articul a n/a amich/a


Per l contegnú di comentars é l autour dl medem responsabel

Comentars anonims n'é nia ametus, preibel registredeves denant

Re: Friul: na sentenza ria da glotì (ponc: 1)
da nones ai 26 May 2009 da les 11:18:10
(Infos sun l utilisadour | Ti mané n messaje privat)
Te sudtirol no è suzedù ngot del zèner parcjé i todesci i s'à fati sènter a son de bombe. L'è brut da dir, ma l'è enzì. Se chest l'è 'l rispet che gja 'l stat talian par le mendranze, scomenzà a tremar ancja voautri. I Talians no i sarà content finché no ge sarà enzun "sul suolo italico" cje parlerà na lenga al de fuer dala lenga de Dante.



Re: Friul: na sentenza ria da glotì (ponc: 1)
da Claudio ai 26 May 2009 da les 21:43:18
(Infos sun l utilisadour | Ti mané n messaje privat)
De chesta minonga ne sonsi nia. Per Sudtirol se ova la Talia tout su na oblianza internazionala con l tratat de Pesc de St. Germain do la seconda vera y a valga moda messòvela ademplì. Les diretives fova cleres. Per l Friul ne à la Talia nia de tel obligazions y prescions da foradecà, demé i slovens tles provinzies de Gorizia y Triest, ma nia te chela de Udin, tres l tratat de Osimo. Defat onse chilò regolamentazions dret valives a cheles de Sudtirol (scola bilinga, toponomastica bilinga, sloven tles aministrazions, les chertes de identité "verdes"). Chilò onse la desfarenzia sostanziala.
I messon ence dì che da les ultimes lites regionales tl Friul à la maioranza lité l "zenter-man dreta" con Forza Italia che fova critics dla lege y che l president Renzo Tondo ova definì la lege estremista.

Dal Messagero Veneto de Udin:

Lega in campo contro lo stop al friulano: serve subito una nuova legge bipartisan

Pubblicato da Redazione il 24/5/09 • nelle categorie Friuli, Istruzione, Messaggero Veneto, Nazionale

«Sensibilità differenti nel centro-destra, un errore discostarsi dalla 482»L’appello del segretario Fontanini dopo la bocciatura da parte della Consulta Ma nel Pdl c’è chi frena. Camber: io chiesi al prefetto di impugnare la norma

di DOMENICO PECILE

UDINE. Nessuna rinuncia, ma subito un’altra legge sulla tutela del friulano. E possibilmente bipartisan: a suonare la carica, dopo la bocciatura da parte della Consulta, è il coordinatore regionale della Lega Nord, Pietro Fontanini. Che aggiunge: «Quella norma la votammo anche noi. Adesso si tratta di riprenderla in mano alla luce degli errori imputatici per riproporre quanto prima un nuovo testo».

Dunque, il Carroccio frena Tondo il quale aveva dichiarato che la norma sulla tutela del friulano «in questo momento non rappresenta una priorità». Detto con le parole del senatore leghista Mario Pittoni «non v’è dubbio che sulle lingue locali ci siano sensibilità diverse. Il Carroccio difende con forza le culture locali, se non altro perchè chi ha forti caratteri identitari mostra di reggere meglio l’impatto con la globalizzazione. Il Pdl ha una visione più sfumata». Visione che il consigliere regionale del Pdl, Franco Baritussio spiega in questo modo: «Anche tanti favorevoli a una legge di tutela del friulano avevano, a suo tempo, manifestato perplessità sul passaggio del silenzio-assenso. Se poi c’è una legge quadro dello Stato (la 482/99), discostarsi da essa non aiuta. Quando abbiamo depositato recentemente la proposta di legge di tutela delle minoranze tedesche in Regione, ci siamo, non a caso, attenuti ai principi della legge quadro dello Stato».
E sempre dentro il Pdl c’è chi canta vittoria. E’ il caso del consigliere azzurro Piero Camber il quale ricorda di aver predisposto un dettagliato ricorso al commissario di governo, commissario che, dopo aver ricevuto un parere favorevole dall’Avvocatura dello stato, aveva inviato al competente ministero i documenti per il ricorso alla Corte costituzionale». Ora, Camber auspica si arrivi a un testo unico sulle lingue minori.
Ma la Lega, come detto, non ha alcuna intenzione di demordere. «Bisogna riorganizzare il testo e riportarlo quanto prima in aula - insiste lo stesso Fontanini - anche perché la Consulta ha offerto utili indicazioni come la possibilità di avvalersi della Paritetica per i rapporti con il governo centrale». Fontanini ricorda anche che la legge di tutela del friulano fa parte del programma elettorale del centrodestra anche perchè «la specialità passa attraverso la tutela delle minoranze».
«Prepareremo - dice ancora - un testo in base ai rilievi della Corte. E’ una battaglia che va fatta e va portata a buon fine. Il nostro auspicio è di poter contare anche sull’appoggio e la condivisione del centrosinistra».

TONDO. Il governatore del Fvg Renzo Tondo ha devinito «prevedibile» la bocciatura della legge sul friulano da parte della Consulta, perchè «norma estremista» e ha ribadito la non urgenza di una riforma

FONTANINI. Il leader della Lega Nord del Fvg Pietro Fontanini chiede una nuova legge di tutela del friulano e si prepara a depositare un testo in consiglio regionale. «Non dobbiamo dimenticare che la Lega votò quella legge»

Maran (Pd): una bocciatura prevedibile, tutela non significa bilinguismo spinto

«Inconcepibile parlare di fascismo, Antonaz sbaglia»

UDINE. «Erano prevedibili le bocciature della Corte Costituzionale su alcune parti della legge sulla lingua friulana».
Ne è convinto Alessandro Maran, deputato del Partito democratico. «Le criticità erano emerse già durante il dibattito che aveva preceduto la stesura della legge i questione. Se le riserve espresse, anche all’interno del Centrosinistra, fossero state ascoltate, non ci troveremmo oggi a questo punto».
In passato, lo stess

Lieje l rest dl comentar...


News ©
 
  www.noeles.net



Impressum: Plata on-line publicheda da l'Union Scritours Ladins Agacins - Redazion: Bulsan noeles.info@gmail.com


Implatazion: 0.432 seconc