benvegnus Noeles.net - Informazion ladina
Noeles.net
    Vos ne seis nia loghé ite.   [ Loghé ite ]    

Referendum da souramont
scrit ai 16 August 2007 da les 18:28:38 da noeles

Politica

Canche Ampez fova pro Tirol y autonom

N ARTICUL SUN L CORRIERE DELLA SERA SPLIGA LES GAUJES STORICH-CULTURALES DLA GHIRANZA REFERENDARA

N articul con trueps detais storics àn podù lieje enier sun l "Corriere della Sera/enjonta Alto Adige" a desmostrazion che la stampa taliana ciala ence da capì y de splighé ciunes che é les gaujes storiches. L titul é: Canche Cortina fova ciamò tiroleisa. Y autonoma."  L autour é Carlo Milesi, autour de articui storics, che espon en gran lignes ciunes che é les rejons storich-culturales, dantadut di ampezans da se damané enier desche encuei, la mudazion teritoriala. Noeles.net met a jì na enrescida (ciala modul a man dreta) olàche i podeis dé ju vosta minonga ciun che i rateis che l resultat podessa ester.

Cortina d'Ampez con l ciampanil de gliejia sun n retrat da zacan.



    

Zent Ladina Dolomites  - Se spirit enier y encuei. Dl 1945 fova i ampezans dret atifs politicamenter: memorandums, jolantins, petizions - documentazion storica 

Referendum: cumpeida a la redousa - Siro Bigontina: al se à daurí na sfenta per nos

Col y Fodom tl secul passé - Liber metù adum da dr. Ivan Lezuo. N laour ghirent de bendebot de valuta. Sun 417 plates végnel splighé per menù la vita y les antervegnudes tles viles fodomes y ja Col. 
La republica ampezana - Valch scliguc sun l raion, les regoles y la storia de Ampez, la bela ciavuelera encertleda dai plu biei creps dolomitics
Ameda fodomaFodom nominé l prum iade tl 1027
Sia storia é endere cotant plu vedla. Relazion de Ivan Lezuo en gaujion dla senteda de refondazion di scizeri da Fodom - Con truepes fadies à i paurs runcé tla valeda - I signours se stritova
Ampez, Col y Fodom
se merita l sostegn de duc! per se scluje permez a la la region Trentin-Sudtirol
Lasciamo agli addetti ai lavori districarsi nel ginepraio della burocrazia per dirimere la questione se i comuni di Cortina d'Ampezzo, Colle Santa Lucia e Livinalllongo possano o meno aggregarsi al Sudtirolo. Fatto sta che il sogno di un redivivo grande Sudtirolo e l'auspicio di una più compatta "ladinitas" dolomitica stanno surriscaldando gli animi delle popolazioni interessate.  Per le quali, in fin dei conti, non sarebbe altro che un "ritorno in patria" o - come molto sostengono - una tardiva riparazione ad un'ingiusta separazione etnico-culturale. Infatti, i comuni ora in fermento passarono all'Italia appena nel 1918, dopo circa quattro secoli di appartenenza al Tirolo, rispettivamente all'Austria. E dal punto di vista ecclesiastico le relative parrocchie appartennero all'ex diocesi di Bressanone dal 1789 al 1964.
     Anni fa "Il Mattino dell'Alto Adige" riportava una dichiarazione del parroco di Colle Santa Lucia: "Sentimentalmente ci si sente più vicini a Bressanone che a Belluno, per ragioni soprattutto storiche e religiose". Ciò vale, naturalmente, anche per Livinallongo e Cortina d'Ampezzo. Qual è - per sommi capi - il retroscena diq ueste "ragioni storiche e religiose"? L'epoca austriaca di Cortina durò dal 1511 al 1918, da quando cioè l'imperatore Massimiliano si impossessò definitivamente del castello di Potestagno (da: boite-stein=rocca sul Boite) segnando così anche il destino degli ampezzani fino all'annessione di Cortina all'Italia dopo la "grande guerra". Gli ampezzani avevano prestato omaggio all'imperatore Massimiliano nonchè accettato la sudditanza alla Casa d'Austria ma, fieri della vasta autonomia conseguita già nel 1338 sotto il patriarcato di Aquileija (1077-1420) e goduta anche sotto la Serenissima (1420-1511), non vollero essere assimiliati e lottarono accanitamente per difendere e conservare i loro statuti, "regole" e sgravi fiscali compresi. Infatti, quando l'arciduca Ferdinando scrisse che "il comune d'Ampezzo è membro della provincia del Tirolo e ne gode tutti i benedfici; non può quindi sottrarsi agli oneri ...", essi risposero: "A quanti ci vien scritto di essere membri de Tyrol, noi poveri Ampezzani, vostri fedelissimi sudditi, mai non semo stati ne intendiamo essere membri, ovvero conumerati in deto condado de Tyrol ...". Insomma, non accettavano di essere "un cantone sotto l'ombra o il protettorato dell'Ausria"; intendevano - certo - conservare il loro territorio confederato al Tirolo, ma volevano anche mantenere la propria vasta e secolare autonomia. E così fu, sia pur con qualche contraccolpo, fino al 1918. Dal punto di vista ecclesiastico la terra d'Ampezzo, dopo esser stata per molto secoli sotto il patriarca di Aquileija, nel 1752 passò sotto Gorizia, una diocesi appositamente creata per la parte austriaca del Veneto. Nel 1787 l'imperatore Giuseppe II (il "re sagrestano") sciolse la diocesi di Gorizia e la parrocchia d'Ampezzo venne incorporata nella nuova arcidiocesi di Lubiana. Ma già due anni dopo (1789) fu aggregata alla confinante diocesi tirolese di Bressanone. Proprio durante questi frequenti "passaggi" nell'abbayia di Novacella era professore, decano e poi abate Leopoldo De Zanna, un ampezzano geniale e cultroe delle belle arti. Fu lui a realizzare la celebre biblioteca del monastero. Nel 1799 in Ampezzo arrivò per la prima volta il principe-vescovo brissinese Carlo del Londron, che cresimò ben 568 persone. Ampezzo visse poi l'epoca napoleonica e quella della rivolta tirolese sotto Andreas Hofer con le stesse preoccupazioni e partecipazioni riscontrate in tutto il Tirolo. Anche Cortina aveva i suoi "scizzeri" (Schützen) e contò i propri morti sui vari e mobili fronti di quegli anni.Dopo tre secoli di causa comune con i Tirolesi, nel 1815 gli Ampezzani rischiarono di essere sbattutto fra gli italofoni del Veneto austriaco. Ma tanto fecero e tanto brigarano che riuscirono a convincere il governo austriaco a tenerli nel Tirolo. Non si sentivano "cadorini" e non volevano passare per veneti. Allora come oggi!
     L'Austria - "felix" anche per l'attaccamento dimostrato dagli Ampezzani durante le battaglie del 1848 - conferì la medaglia d'argento a tutti i 113 "scizzeri" d'Ampezzo e quella  d'oro al comandante Ghedina.
Il resto della storia ampezzana è comune a quella toccata in sorte al Tirolo. Divenuta italiana, nel 1923 Cortina passò sotto la provincia di Belluno e nel 1964 sotto la diocesi di Belluno-Feltre. Uno sgarbo, quest'ultimo, rimasto a tutt'oggi indigesto, tanto più che Ampezzo - ma anche Colle Santa Lucia e Pieve di Livinallongo - avevano dato numerosi sacerdoti  alla diocesi brissinese, molto dei quali hanno efficacemente operato in seno all'eterogenea (e non ancora accasata) comunità di lingua italiana.
Fra i più noti occorre ricordare i catechisti Soave Costantini (fondatore della Corale San Michele di Bressanone) ed Angelo Polato, i fratelli Cleto ed Angelo Alverà (carismatico direttore del Coro del Duomo brissinese), Angelo Cazzetta (cappellano dei "Gastarbeiter" friulani in Germania e poi delle carceri a Bolzano) nonchè mons. Luigi Pompanin, il roccioso e battagliero giurista e vicario generale dell'ex diocesi di Bressanone, che diede non poco filo da torcere anche al regime fascista.
Carlo Milesi
 
SCE CHEST ARTICUL VES À ENTERESSÉ, VES RACOMANONSE DE LIEJE ENCE CHISC:
Karl Zeller: ester solidars con i ladins da souramont
La Svp todescia sostegn depln l referendum - rejons economiches ne jia degun rodul
Referendum: 90 agn de ghiranzes
La consulta ladina fej da organism de coordinament anter unions ladines y comuns
Cumpeida a la redousa
Bigontina: al se à daurì na sfenta per nos
La Generela: al sarà ence nost dovier de informé
La posizin dla UGLD doi dis do l proclam dla data dl referendum
Durnwalder: Benvegnus!
L ombolt nuef de Ampez, Andrea Franceschi, dij che l quorum dopl vegnirà arjont
La data: referendum ai 28 de otober
N comité de 6 persones ti starà do a enjigné ca la campagna de informazion
Souramont cherda, Mareo respon
Metù en pé n comité de sostegn al referendum ta souramont tla Val Badia
Court de Cassazion: lum verda al referendum
Cie che i gherdeines y i badioc nen miena? Chel nes é unfat - Carlo Willeit propon n comité de sostegn
Svp "ladina": scì al referendum
Al é cler che i ladins da souramont vuel vegnì pro Sudtirol - Sostegn al lim dla coienaria -  Al ne vegn nia scuté su Mussner
Dellai patejeia bele con Galan
Ence Durnwalder pèrel che se plieie plan plan a dé pro n "fond perecuatif"
Les trei deliberes é sen a Roma
Bonamenter te 5 meisc vegn i sentadins da souramont chrerdés a les urnes
I trei ombolc ladins da souramont: i volon la reunificazion di ladins
"I on dut l temp per valuté les oportunités che se deura per nos"
I ladins da souramont à l dert de vegnì endò a ciasa
Chest él da respeté, belunfat ciunes che é les gaujes - Ampez, Fodom y Col peia via
Referendum: amisc y nemisc
Les critiches de Mussner y de si compagns dla Svp de Gherdeina: motivazions economiches
Zent Ladina Dolomites: l spirit dl 1946 erd endò
Enlaouta fova i ampezans dret atifs: jolantins, petizions y memorandums
Les unions ladines da souramont: enviede via l referendum!
Les aministrazions comunales de Ampez, Fodom y Col vegn damanedes de envié via la prozedura

 
Liams emparentés
· Deplú sun l tema Politica
· Chier te noeles


L articul plu liet te chest tema Politica:
Südtirol: Karte mit historisch gewachsenen Namen


Valutazion dl articul
Cumpeida mesana de oujes: 5
Oujes: 2


Preibel toledeves dlaorela de valuté chest articul:

ezelent
dret bon
bon
normal
sclet



Empostazions

 Plata da stampé  Plata da stampé

 Ti ortié chest articul a n/a amich/a  Ti ortié chest articul a n/a amich/a


Per l contegnú di comentars é l autour dl medem responsabel

Comentars anonims n'é nia ametus, preibel registredeves denant
News ©
 
  www.noeles.net



Impressum: Plata on-line publicheda da l'Union Scritours Ladins Agacins - Redazion: Bulsan noeles.info@gmail.com


Implatazion: 0.409 seconc