benvegnus Noeles.net - Informazion ladina
Noeles.net
    Vos ne seis nia loghé ite.   [ Loghé ite ]    

Comentar: PACS: Svp no
scrit ai 20 January 2007 da les 19:20:52 da noeles

Politica

 

La SVP ladina: "Nos son liés ai valours cristians"

 COMENTAR: BRAVIA

La SVP "ladina" mostra publicamenter sia ideologia reazionara, intoleranta-medievala.
Desche tant gonot él la falsificazion di fac a la basa de chesta touta de posizion. Ala ne se trata nia de "Homo-Ehen", ma de n pat zivil anter does persones, encuei legal te bona pert di stac dla Union Europea.

Dlongia la proposta de lege litala dla SVP à l "Verbindungsausschuss" (jonta) dla Svp ladina en chisc dis a Neustift (luech tradizional de enconteda) ence tout posizion sun la proposta de lege nazionala di "Pacs" che veid dantfora l reconesciment de unions ziviles. La jonta é contra n reconesciment de relazions omosessuales desche matrimone-omosessual. "Al é dant man d'autres poscibeltés tl dert zivil de se seguré ju derc. La familia é la coa dla sozieté, nos messon mantegnì nosc valours y i dijon n no cler al matrimone-omosessual". Chesta é la posizion dla Svp ladina.
 




Che i omesessuai ne pò nia vegnì discriminés stal scrit ence ti prinzips di derc umans che arven la Union Europea. La Talia mess se adegué a chestes normes (Schengen). La SVP "ladina" endere se sent bravia per sia strentura mentala. I Pacs, l pat zivil anter does persones, é na chestion dl stat zivil. Per cie che reverda la morala dess vignun cialé de se enstes y de sia morala de familia. Enlò àl bel assé da fé. (mt)

"Nos ladins nes sention liés ai valours cristians. Nos tegnon pro nosta politica y pro nosc valours che à da tres caraterisé la politica de nost partì", va inant Bioc Gasser, sorissan: "La Svp à demé sclut ju n pat de coalizion con l zenter man ciancia, ma chest ne vuel nia dí che la Svp sie oblieda de porté pera te dut na tel lege. Nos ne podon nia y ne volon nia mete sun l medem scialin l matrimone tradizional con d'autres formes de convive. La politica dess plulere encorajé jent joena de se maridé y da emplanté su familia che é la pera da cianton de nosta sozieté".


 
Liams emparentés
· Deplú sun l tema Politica
· Chier te noeles


L articul plu liet te chest tema Politica:
Südtirol: Karte mit historisch gewachsenen Namen


Valutazion dl articul
Cumpeida mesana de oujes: 3.28
Oujes: 7


Preibel toledeves dlaorela de valuté chest articul:

ezelent
dret bon
bon
normal
sclet



Empostazions

 Plata da stampé  Plata da stampé

 Ti ortié chest articul a n/a amich/a  Ti ortié chest articul a n/a amich/a


Per l contegnú di comentars é l autour dl medem responsabel

Comentars anonims n'é nia ametus, preibel registredeves denant

Re: PACS: Svp no (ponc: 1)
da travers ai 20 January 2007 da les 18:55:22
(Infos sun l utilisadour | Ti mané n messaje privat)
N puech de mesura preibel!
Vignun, unfat sce zitadin o partit, pò avei na sia minonga o posizion en cont di PACS. Ti tré dant a la SVP ladina "strentura mentala" pervia che ala é , per rejons morales, contra i PACS é n at de intoleranza ideologica nia manco medieval che l fondamentlism moral o religious adoré sciche erma tla Parlament.
L referiment al Vangele me per dldut strabacé. Ie ne creie nia che l Vangele ti proibesc a zachei de sostegnì o refudè na prosta de lege, che é n at zivil, sun la basa de n sie credo moral.
Perauter ence i partisans di PACS se baseia sun na morala, na morala laica. Samben degun scandal, niene chest!



Re: PACS: Svp no (ponc: 1)
da Claudio ai 20 January 2007 da les 20:54:20
(Infos sun l utilisadour | Ti mané n messaje privat)
Ie rate ence che an posse rejoné de na "strentura mentala". La sozieté é encuei en prinzip pluralista y democratica, ciuldí ne déssel pa spo nia ester ence plu formes de convive.


N articul enteressant tout da sit damprò da la Gliejia (http://www.magna-carta.it). Nience duc i cristians ne é endie ne nia a una sun chest tema, desche an ne é niece a una tla SVP (todescia) te Sudtirol. I pro y cotra va tres duc i partis, ence de man dreta, manco de man ciancia.



Pacs e pluralismo

Alcune riflessioni
Andrea Bellantone
28 dicembre 2006

1. Tutte le società – piaccia o meno – sono pluraliste. Ne aveva consapevolezza filosofica già Aristotele, che faceva del fatto del pluralismo uno dei presupposti (forse il più importante) della sua Politica. Ma lo specifico della società occidentale, nei suoi aspetti filosofici, giuridici, etici, economici, sta in questo: essa ha trasformato il pluralismo da fatto in valore. Questa specificità è di straordinaria importanza: se la pluralità è un valore da difendere e preservare, allora essa non può mai essere compressa dalle istituzioni civili, ma deve essere riconosciuta e promossa. Le società occidentali moderne, in particolare – spesso contro le pervicaci resistenze della mentalità religiosa e dei suoi residui di tribalismo monista e riduttivista – si sono formate proprio sul valore dell’irriducibilità del pluralismo, che costituisce anche lo sfondo del liberalismo. Si può probabilmente dire che il lascito irrevocabile della modernità al pensiero politico occidentale stia proprio nel riconoscimento definitivo del pluralismo come fatto originario di ogni dimensione pubblica e come valore di ogni ordinamento politico liberale. Questa eredità costituisce la nostra eccezione culturale più evidente, dato che la maggior parte degli ordinamenti sociali alternativi a quelli moderni e liberali si fondano su principi profondamente diversi e, pur ammettendo la pluralità come un fatto, la considerano prevalentemente un disvalore da eliminare (è il caso delle società primitive o tribali e di quelle totalitarie).

2. La questione dei Pacs, di cui molto si discute in questi giorni, può essere affrontata proprio alla luce della nozione di pluralismo, che può costituire, anche in questo caso, un sicuro faro metodologico. La diatriba sui Pacs infatti può essere ricondotta ad un dibattito intorno al pluralismo e alla natura dei rapporti tra Stato e società. Si tratta di capire se a questo problema si intende dare una risposta moderna o se invece si preferisce tornare a forme di integralismo e riduzionismo sociale, che attribuiscono allo Stato (o a una parte della società, a una Chiesa, a una tradizione culturale, sia essa più o meno religiosa o più o meno laica) il potere di decidere e ridurre le opzioni di libertà dei singoli cittadini e delle famiglie. Uno dei grandi pericoli del nostro tempo, infatti, è quello di dimenticare la lezione del pensiero moderno, che ci mette in guardia dall’illusione di potere indicare in modo oggettivo un insieme troppo grande e troppo vincolante di valori o principi a cui i cittadini dovrebbero attenersi e che lo Stato, come un guardiano etico, dovrebbe preservare. I frequenti attacchi che, negli ultimi anni, si sono mossi contro l’Illuminismo e in generale contro il relativismo, rischiano infatti di trascinare con sé anche il valore del pluralismo, che costituisce uno dei cardini irrinunciabili della società occidentale. Ci sono buone ragioni per credere che sulla questione dei Pacs sia in corso uno scontro sul significato del pluralismo e sul suo valore nella nostra società.

3. La convinzione secondo cui debba essere lo Stato a dare forma alla società, seguendo un modello il più possibile coerente e unitario, ha come suo presupposto la possibilità di individuare una forma ideale di struttura sociale, sia essa collocata nel passato (come fanno i conservatori) o nel futuro (come fanno gli utopisti). In particolare la posizione del conservatore è quella di chi presume che le innovazioni siano per principio indirizzate a una minore moralità e responsabilità, ad allontanarsi da una mitica età dell’oro. Ma questa presunzione, tipica di tutti i sistemi di pensiero reazionari, esclude che sia giusto innovare e rendere plurali, concorrenziali, differenziate le strutture sociali. Questa posizione è figlia di un pessimismo radicale nei confronti della capacità umana di gestire responsabilmente le proprie scelte e assume come presupposto che solo chiudendo lo spettro delle opzioni ammissibili sia possibile avere una società più giusta. Siccome si presume che gli uomini – se saranno dotati di possibilità di scelta – opteranno sempre per quella peggiore e più immorale, allora si decide di negare loro la libertà di scegliere e si nega la concorrenza tra i diversi istituti giuridici. Ecco perché si rifiuta l’allargamento del nostro sistema di diritto

Lieje l rest dl comentar...



Re: PACS: Svp no (ponc: 1)
da travers ai 20 January 2007 da les 23:35:34
(Infos sun l utilisadour | Ti mané n messaje privat)
L articul ne rejona nia demé de "strentura morala" ma ence de na "ideologia reazionara, intoleranta-medievala" y chest pervia che an é contra i PACS!
Ie enstess son por i PACS - tla Francia p.ej. funzioneii dret ben y ai ne met nia en pericul no l matrimone no la sozieté - ma perchel ne demoniseii nia chi che la pensa autramenter o se ispireia a prinzips morai-religiousc.
Na democrazia toleranta mess lascé pro y respeté dutes les minonges tant inant che ales ne é nia en contrast con la costituzion. La democrazia é discuscion no demonisazion dl aversar politich; chest sci é valch de medieval.



Re: PACS: Svp no (ponc: 1)
da Claudio ai 21 January 2007 da les 09:08:26
(Infos sun l utilisadour | Ti mané n messaje privat)
Tla discuscion politica végnel dant esprescions cotant plu agressives (tant de iadesc auden pa che oposizion y govern se dà dl incompetent). Al ne é deguna demonisazion, ma na "pointe". A pert chest. Al vegn dit che i politics dess encorajé jent joena da se maridé .... Propi trueps politics, metan man dal Landeshauptmann, viv te na "convivenza" y al ne die nia l soul te Sudtirol, ei capesc cotant miec la situazion. I ne creie nia che chisc posse deventé apostui dl "matrimone tradizional". Y an à bele vedù che al é mesa la Svp (todescia - p.ej. dantfora la Unterberger), sce nia passa viadedò che veid l vare positivametner. Al é bele vegnù dit plu outes che l dert zivil ne va nia da apliché te chestes situazions de convivenza y perchel végnel pensé a na lege che regoleie.

Trueps stac dl mond veid bele dantfora unions ziviles dlongia l matrimone:

http://it.wikipedia.org/wiki/Unione_civile

Al ne é nience dit che a longia veduda chisc funzioneia, ma sozietés se svilupeia inant. Al ne é nia n model etern, desche la storia nes ensegna.


News ©
 
  www.noeles.net



Impressum: Plata on-line publicheda da l'Union Scritours Ladins Agacins - Redazion: Bulsan noeles.info@gmail.com


Implatazion: 0.392 seconc